Si sfalda il movimento mentre Macron riprende consensi
Immagini articolo
Sempre meno gilet gialli
nelle strade francesi
R. C.


Puntata numero sedici. Il movimento dei Gilet gialli è nuovamente sceso in piazza. E ancora, ieri, sabato, sotto la scorta della polizia. L’appuntamento come da tradizione è stato fissato nel centro di Parigi, nella zona degli Champs-Élysées. La sedicesima manifestazione dei Gilet gialli arriva dopo le aperture del presidente francese Emmanuel Macron e gli inviti alla prudenza del ministero degli interni, in seguito a scontri e tensioni delle settimane scorse. I manifestanti hanno sfilato portando cartelli e striscioni con slogan come "Potere al popolo" oppure "La Francia è saccheggiata dall’oligarchia".
A Parigi sono stati organizzati due cortei. Il più lungo si è snodato su circa dodici chilometri ed è partito dopo che i manifestanti avevano bloccato il traffico nella zona dell’Arco di Trionfo. La polizia è intervenuta e ha fatto sgomberare i gruppi di poche centinaia di persone che erano scesi in strada. Altre manifestazioni si sono poi svolte a Marsiglia,  Montpelliers, Strasburgo, Nantes, Bordeaux, Tolosa. A Lille l’appello a manifestare è stato rivolto anche ai Gilet gialli dei Paesi vicini, Belgio, Inghilterra, Lussemburgo, Olanda e Germania.
Ma intanto il fatto che in piazza i manifestanti siano progressivamente sempre meno spinge diversi osservatori e politologi a dire che ormai il movimento sta tramontando. O almeno si è sfilacciato e diviso e non ha più la forza d’impatto originaria. Tanti francesi, hanno fatto notare i giornali parigini, che inizialmente vedevano i Gilet gialli come un movimento di rottura, capace di rilanciare temi concreti come i salari, il carovita e le imposte, dopo le violenze che si sono succedute, insieme a episodi di intolleranza contro la comunità ebraica, hanno cominciato a prendere le distanze. Poi Macron, con diverse promesse, ha raffreddato gli animi.
Tanto che un sondaggio pubblicato dal quotidiano Le Figaro sulle elezioni europee ha indicato Republique En Marche (Lrem), il partito appunto di Emmanuel Macron, primo in Francia con un risultato attorno al 22 per cento. Una percentuale che supera di due punti quella attribuita al Rassemblement National di Marine Le Pen che ha provato a "cavalcare" il movimento per strappare consensi.
03.03.2019


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Ecco come sarà
il Cardiocentro 1.0
L'INCHIESTA

Sembrano giocattoli
... eppure uccidono
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il formidabile esercito
...che ora si rinnova
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Quel Modi indiano
piace a Usa e Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dall'Iran sino a Kim
donald alza il tiro
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
26.06.2019
L'ufficio dei beni culturali segnala la pubblicazione di un nuovo sito tematico dedicato al Monetario cantonale [www.ti.ch/monetario]
25.06.2019
Aggiornato il catasto del potenziale solare degli edifici con i dati di tettosolare.ch consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
19.06.2019
Nuova veste grafica, contenuti e funzionalità per il sito della Divisione della formazione professionale
17.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2019
13.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, giugno 2019
12.06.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 24 giugno 2019.
12.06.2019
Pubblicato il rapporto annuale 2018 sul programma di monitoraggio ICP-Waters [www.ti.ch/aria]
11.06.2019
Qualità dell'aria in Ticino: rapporto 2018 [www.ti.ch/aria]
07.06.2019
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha rinnovato il suo portale tematico, modificando e aggiornando parte della documentazione [www.ti.ch/commesse]
05.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Incendio
nel centro
di Parigi,
almeno 3 morti

Italia: così
gli scafisti
scaricano i migranti
a Lampedusa