Lo spettro delle elezioni dopo il primo giro di consultazioni
Immagini articolo
L'Italia ingovernabile
tra veti e rese dei conti
FRANCESCO ANFOSSI DA ROMA


Un fantasma si aggira per l’Italia: quello dell’ingovernabilità. Spettro evocato da più parti dopo il primo giro di consultazioni avviato dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella per la formazione del nuovo governo dopo le elezioni del 4 marzo scorso.
Gli scenari non fanno presagire nulla di buono. A dare le carte sono i due partiti vincitori dall’ultima tornata elettorale: il Movimento 5 Stelle dell’aspirante premier Luigi di Maio e la Lega del segretario Matteo Salvini, che ha tolto lo scettro della guida della coalizione del centrodestra a Silvio Berlusconi. È proprio quest’ultimo l’ostacolo a un asse "giallo verde" Lega-5 Stelle. Come è noto, il movimento fondato da Beppe Grillo nasce proprio come antitesi a Silvio Berlusconi. I grillini non ne vogliono sapere di un Cavaliere dentro la maggioranza di Governo e hanno già fatto molta fatica a digerire l’elezione a presidente del Senato di una fedelissima di Berlusconi, Maria Elisabetta Alberti Casellati, avvocato che era in prima fila nelle manifestazioni a favore delle leggi "ad personam" in favore del Cavaliere. Avere "Il caimano" come alleato di Governo sarebbe troppo. D’altro canto per Salvini un governo coi 5 Stelle è possibile solo col centrodestra unito e non solo con la Lega.
La pregiudiziale anti Berlusconi crea un intoppo non indifferente a questa soluzione. L’aver abbassato il "tasso di berlusconismo" da parte di Salvini (come è noto Berlusconi voleva il superfedelissimo Paolo Romani alla presidenza del Senato, che è la seconda carica dello Stato) finora non ha giovato granché a questa ipotesi. Va detto che i mercati sono piuttosto preoccupati per un eventuale governo Cinque Stelle-Centrodestra per via dell’atteggiamento critico verso l’Europa di Salvini e Di Maio, in verità molto attenuato durante la scorsa campagna elettorale.
La seconda ipotesi di governo è quella di un’alleanza tra Cinque Stelle e quel che resta del Pd di Matteo Renzi, che ha dato le dimissioni e ha lasciato lo scettro del partito all’ex ministro dell’Agricoltura Maurizio Martina. Ma dentro il Pd c’è una lotta interna durissima, tra i seguaci di Renzi che vorrebbero andare all’opposizione e coloro che auspicano un’intesa coi Cinque Stelle, giudicandoli una "costola della sinistra". Difficile fare previsioni dentro un partito ormai destabilizzato, che attende la resa dei conti con la prossima assemblea generale del 21 aprile.
In questo gioco frenetico e improduttivo di veti incrociati, il presidente della Repubblica si appresta a varare il secondo giro di consultazioni più che mai preoccupato. Vi è una terza ipotesi, per il momento molto remota, quello di un "governo del Presidente", ovvero di un governo istituzionale sotto l’egida del Quirinale formato da tutti i partiti usciti dalle elezioni del 4 marzo, da affidare a una personalità di alto profilo "super partes". Ma i partiti di questa ipotesi non ne vogliono sapere. Finora. Il momento politicamente è abbastanza drammatico. Mattarella sa bene che dietro lo spettro dell’ingovernabilità di un Paese che sta lentamente uscendo dalla crisi economica si cela lo scioglimento delle Camere e nuove elezioni, probabilmente a settembre.
08.04.2018


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Aeroporti e piste da sci
che "succhiano" soldi
L'INCHIESTA

La nuova vita delle auto
tra l'Africa e i Balcani
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonell

Oltre mezzo milione
in abiti, scarpe e viaggi
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ci salverà solamente
un modello sostenibile
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'Ok Corral innesca
la faida dei marsigliesi
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
22.10.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2018
16.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Poschiavo
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo
26.09.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 26 settembre 2018 alle ore 10.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Kashoggi:
Erdogan "Faremo
luce su quanto
accaduto"

Brexit:
oltre 500'000
a Londra
per 2° referendum