function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Luca Zingaretti
Immagini articolo
"Per conquistare Luisa
...l'ho sorpresa così"
ALESSANDRA COMAZZI


Luca Zingaretti, 58 anni, è da 20 il commissario Montalbano: la prima puntata della serie tratta dai libri di Camilleri andò in onda alla tv italiana, allora su Raidue, il 6 maggio 1999. Adesso il direttore di Rai Fiction, Eleonora Andreatta, ha annunciato che sono in lavorazione altri tre episodi, "La rete di protezione" e "Il caso Catalanotti", da due romanzi, e "Salvo amato, Livia mia", da due racconti. Sempre negli stessi luoghi, naturalmente, divenuti meta di devoti pellegrinaggi. Zingaretti non riesce a stare seduto quando parla del commissario Montalbano. Si alza, ricorda, interpreta. Racconta: "Andrea Camilleri era mio maestro all’Accademia d’arte drammatica, ci spiazzava, affabulava. Mi ero conquistato il posto lì con un monologo di George Bernard Shaw, e va bene: ma soprattutto cantando il brano di Consolazione, Bice Valori in ‘Aggiungi un posto a tavola’, volevo fare qualcosa di originale, e mi presero. Camilleri lo conoscevo bene. Ricordo di quando entrai in una libreria e trovai ‘Il birraio di Preston’, senza Montalbano, meraviglioso. Poi leggo Montalbano, e penso subito che sarebbe un personaggio bellissimo da interpretare".
Passano due anni, una piccola casa di produzione compra i diritti. "E io dico che se anche lo vogliono alto, biondo e con gli occhi azzurri, non mi interessa niente, il commissario devo essere io. Provini su provini, alla fine mi scelgono. Solo allora chiamo Camilleri: farlo prima, mi sembrava brutto. Gli parlo delle incertezze che ho sull’interpretazione. E lui mi dice: buttati. Benissimo, penso io. Ma poi ci ripenso di nuovo: mi butto, ma mi butto dove? Allora lo richiamo, e lui con la sua voce cavernosa: Luca, non mi rompere i cabasisi".
L’attore ricorda: "Con Montalbano, in questi vent’anni, abbiamo raccontato l’Italia, e lui ha combattuto per la giustizia, perdendo, vincendo, ma con coerenza. Montalbano è sempre lo stesso, è il mondo che gli è cambiato intorno. Lui non ha il cartellino con il prezzo attaccato alla giacca, il baricentro della propria esistenza è dentro di sé. Ha bisogno della sua terra, della sua casa, delle sue nuotate, della sua donna ogni tanto. Fedele a se stesso, ecco. E questo nel cuore del Mediterraneo, crocevia di tante culture". E il rapporto con la fidanzata Livia? "Sono due adulti che decidono di vivere la loro storia d’amore lontani. Fino a qualche romanzo fa, Montalbano non si era mai concesso digressioni amorose. Adesso è cambiato. A me piaceva di più prima".
La serie ha una caratteristica: gli attori sono sempre gli stessi. Finché la morte non li separi. Com’è accaduto con l’interprete del dottor Pasquano, Marcello Perracchio. Quando è scomparso, prima gli sceneggiatori lo hanno mandato in ferie, poi l’hanno fatto morire all’improvviso: "E noi l’abbiamo commemorato mangiando tutti insieme, nell’ufficio di Montalbano, una guantiera di quei cannoli di cui andava ghiottissimo, l’attore e il personaggio. È stata una mia idea, sono contento di averlo ricordato così".
Zingaretti è sposato con la collega Luisa Ranieri, hanno due figlie: "Ci siamo conosciuti sul set di ‘Cefalonia’: per conquistarla, alla fine delle riprese, ho affittato un ristorante solo per noi". L’attore ha un sogno teatrale: "Poiché ogni mistero d’Italia è legato a qualche oggetto scomparso, il taccuino di Borsellino, la borsa di Moro e quella di Mattei, vorrei fare uno spettacolo dove sono il magazziniere dei servizi segreti. Non è giornalismo, è teatro, puoi dire quello che vuoi: magari sbagli; ma magari ci prendi".
Al fratello Nicola, segretario del Pd italiano e presidente della Regione Lazio, augura tanta fortuna: "Siamo molto legati, ma non parliamo mai di politica. A volte colgo dei sorrisetti di compianto, dedicati a lui: come se in Italia non fosse possibile essere governati da qualcuno di onesto, che non sia un figlio di puttana".
26.05.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

In Francia
si riprende
ad andare
a messa

Spagna:
10 giorni di lutto
e piano di riapertura
dal primo luglio

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00