Renzo Arborre
Immagini articolo
"Mariangela Melato
l'amore della mia vita"
ALESSANDRA COMAZZI


Renzo Arbore si può incontrare dopo uno degli esaltanti concerti con l’Orchestra Italiana ora in tournée, o nella sua mitica casa romana, piena di quegli oggetti di plastica che ne fanno uno dei massimi collezionisti al mondo. Discute di televisione, la vorrebbe più educativa, formativa, ma non è mai astioso. "Io non condanno l’Auditel - dice - e sono anche convinto che il campione sia significativo. È che talvolta le reti, soprattutto quelle pubbliche, dovrebbero accettare che un programma vada in onda senza ascolti stratosferici. ‘Quelli della notte’ non ebbe ascolti mirabolanti, ma ebbe una risonanza tale…".
In effetti. "La vera rivoluzione - prosegue - fu l’arrivo del telecomando, nel 1974. Il telecomando cambia le abitudini, è quasi un totem, uno strumento di potere familiare. Per questo in ‘La vita è tutto un quiz’, sigla di ‘Indietro tutta’, cantavamo: ‘Il padre al figlio dice: senti un po’, solo un consiglio è quello che ti dò. Tu nella vita conti fino a quando, hai stretto in pugno il tuo telecomando’...". Arbore fu grande innovatore, inventando, pure, il cosiddetto "cazzeggio". Soltanto che, senza il suo ferreo e colto controllo, il cazzeggio è diventato sterile, urlata chiacchiera. Ricorda: "Quelli della notte’ e ‘Indietro tutta’, del 1985 e del 1987-’88, durarono pochissimo, una stagione ciascuno. Dopo, ho sempre resistito alle sirene della tv, tranne che per una trasmissione notturna, ‘Meno siamo meglio stiamo’, e ho cominciato a girare il mondo con l’Orchestra Italiana, facendo cantare e ballare i cinesi e i russi, gli americani e i canadesi e i messicani e tutti gli europei". Un concerto con l’Orchestra è un’esperienza trascinante. Lui, che pure ha 81 anni e una protesi all’anca, non si risparmia: mentre gli altri fanno l’intervallo, il capocomico sta lì e suona. È un signore del Sud, d’antico stampo. Quando morì Mariangela Melato, che fu a lungo la sua compagna, era davvero distrutto. "Non stavamo più insieme ma - dichiara con tenerezza - Mariangela è l’amore della mia vita". Se pensate a un artista, pensate a lui.
Arbore racconta come venne l’idea di "Quelli della notte": "C’erano, in ordine sparso, Nino Frassica, Maurizio Ferrini, Andy Luotto, Riccardo Pazzaglia, Marisa Laurito, Simona Marchini, Roberto D’Agostino, Giorgio Bracardi, Massimo Catalano, e poi i musicisti, Gegè Telesforo, Sal Genovese, Stefano Palatresi, Gianni Mazza, Antonio (Maiello) e Marcello (Cirillo). Tutti personaggi scelti frequentando locali, set, gallerie d’arte, case di amici. Dovevano avere la battuta pronta, essere in grado di realizzare una sorta di jam session parlata. Oggi non lo sa fare più nessuno. Quello era un periodo difficile per me, mia mamma era malata, io mi fermai parecchio a Foggia per starle accanto. Dovevo occuparmi anche della sua casa, delle vicende pratiche. Una bella sera, andai a una riunione di condominio. Che tutti detestano, sì. Eppure, fu proprio dopo una di quelle riunioni, vivaci e animate nella loro dialettica, che mi venne l’idea del programma. E la sua filosofia: ridere per ridere. Però con amore". L’obbligo alla cattiveria che sarebbe venuto dopo, certo lui, signore meridionale d’antico stampo, aduso alle buone maniere, proprio non l’avrebbe tollerato.
È uno stacanovista, Arbore, ma ha pure un ottimo rapporto con la vacanza: "Sono un grande viaggiatore, sono un vero vacanziere. La vacanza è l’unico sport che pratico e, ad essere sinceri, mi riesce benissimo. È il balsamo della mia vita, ci vado spesso, a differenza di molti colleghi che non riescono a staccare dal lavoro. Quanto a luoghi e modi, mi ritengo onnivoro, faccio ogni tipo di villeggiatura, in movimento, stanziale, di mare, di monte, di collina. Tutto. Cerco musica nuova. Pure a casa però sto volentieri, ho le mie manie, le mie collezioni. E le mie occupazioni, non si creda che io sia uno sfaccendato".
02.12.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento