Da Bellinzona a Chiasso è gara a chi diventa più verde
Immagini articolo
I carnevali si sfidano
a colpi di sostenibilità
ANDREA STERN


A carnevale ogni scherzo vale, purché sia a impatto zero. Sono finiti i tempi in cui le orde carnascialesche potevano permettersi di lasciare per terra decine di tonnellate di rifiuti. Oggi, nel 2020, la sostenibilità ha preso il sopravvento. Volenti o nolenti. "Da questa edizione avremo solamente bicchieri, piatti e stoviglie biodegradabili - afferma Livio Mazzuchelli, presidente del carnevale Or Penagin di Tesserete, dal 27 al 29 febbraio -. Inoltre, all’interno del paese metteremo dei contenitori per la raccolta differenziata. Contiamo sulla collaborazione della gente per migliorare il bilancio ambientale della manifestazione".
Mazzuchelli sostiene che questi piccoli passi sono dovuti, anzi, inevitabili. "È importante fare la nostra parte - osserva -. Sono tuttavia un po’ stupito da come d’un tratto l’ecologia sia finita al centro di tutto. Una volta noi presidenti di carnevale venivamo interpellati in merito alle misure di sicurezza. Oggi invece ci viene chiesto praticamente solo cosa intendiamo fare per salvare il pianeta". Una missione cui i carnevali possono contribuire solo in minima parte. "È giusto cercare di migliorare il nostro bilancio ambientale - sottolinea ancora Mazzuchelli -, ma non vorrei introdurre troppi divieti e vincoli. Si rischia di snaturare il carnevale, che deve restare una festa".
A Chiasso la si pensa diversamente. Quest’anno il Nebioboli, che si terrà già dal 6 al 9 febbraio, sarà il primo carnevale a condurre un’azione di sensibilizzazione sull’utilizzo delle bombolette sprai. "E dall’edizione successiva saranno semplicemente bandite - spiega il presidente, Alessandro Gazzani -. Sono inquinanti, fastidiose e meno amate di quanto si pensi. Credo che si possa benissimo festeggiare un carnevale senza le stelle filanti spray".
Nebiopoli ha già fatto da apripista, l’anno scorso, con i bicchieri lavabili. "All’inizio c’era un po’ di scetticismo - riconosce Gazzani -. Ma ora non li contesta più nessuno. Sono diventati la norma". E i bicchieri lavabili sono anche più ecologici e più economici. "L’anno scorso c’era il problema che il lavaggio doveva essere effettuato nella Svizzera tedesca - spiega -. Inoltre i singoli bicchieri erano piuttosto cari, senza il sostegno del Comune di Chiasso non avremmo potuto permetterceli. Ma nel frattempo anche in Ticino hanno aperto un paio di ditte che offrono questo servizio. E il Comune è andato a trattare, ottenendo dei prezzi molto interessanti". A vantaggio anche delle altre associazioni che vorranno seguire l’esempio Nebiopoli. "Capisco che per chi organizza piccoli eventi - riprende Gazzani - sia più difficile passare ai bicchieri lavabili. Il costo resta elevato. Per questo dobbiamo muoverci tutti insieme. Solo così potremo avere più potere contrattuale. E solo così potremo dare una vera svolta ecologica al divertimento".
Per ora la svolta ecologica resta però piuttosto confusa. Ognuno va per la sua strada. Il carnevale Rabadan di Bellinzona, dal 20 al 25 febbraio, ha sì optato per i bicchieri lavabili. Ma ne ha scelto un modello con microchip, unico in Ticino. Le critiche preventive non sono mancate, in particolare da chi teme che questi bicchieri possano essere scomodi, poco igienici o addirittura intrusivi della privacy. "Tutte le novità generano una certa diffidenza - comenta Gazzani -. È successo anche da noi. Ma poi, una volta superato il banco di prova, tutte le critiche sono state dimenticate".
astern@caffe.ch
02.02.2020


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2020
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2020
05.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 17 febbraio 2020
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se il virus ci trascinerà
in una recessione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Si scenderà a patti
con il sistema-Terra
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi



IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Budget
europeo,
l’Europa
spaccata

Afghanistan,
forse
una tregua

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00