Il Ministero pubblico sotto stress tra addii e nuovi ingressi
Immagini articolo
"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
MAURO SPIGNESI


C’è chi va e c’è chi arriva. Il Ministero pubblico sta progressivamente mutando pelle. E l’elevato turnover di magistrati preoccupa anche il ministro Norman Gobbi (vedi intervista a pagina 13). Nel giro di due anni, la squadra è cambiata. È arrivata Anna Fumagalli che nel maggio 2017 è stata scelta per sostituire Nicola Corti, poi Claudio Luraschi che ha preso il posto di Andrea Pagani eletto procuratore generale e Roberto Davide Ruggeri che ha sostituito Roberta Arnold. Da ricordare anche l’uscita di Antonio Perugini, il magistrato con più anzianità, e quella di Paolo Bordoli, diventato giudice dei provvedimenti coercitivi, sostituiti da Petra Canonica Alexakis e Pablo Fäh. Ora, nella procura che assomiglia a un tram del desiderio dove molti salgono e altri dicono addio perché evidentemente hanno capito di non essere nel posto giusto, altri per anzianità e altri ancora per legittime aspirazioni, da Berna arriva la conferma che il procuratore capo Fiorenza Bergomi a fine marzo verrà probabilmente nominata giudice del Tribunale federale. E lascerà dunque il suo incarico al Ministero pubblico dove è arrivata nel 2001 e dove negli ultimi anni si è occupata soprattutto di reati finanziari.
"Ma il turnover - spiega il procuratore generale Andrea Pagani - è presente da sempre. Anche quando c’erano i miei predecessori tanti sono andati via. E questo, inutile nasconderlo, per noi è deleterio. L’ho scritto, quando c’è stata la relazione annuale, al Consiglio della magistratura. Basta un solo dato: negli ultimi otto anni i reati finanziari in Ticino sono aumentati del 66 per cento". E ognuno di questi procedimenti, fa notare Pagani, è fatto di migliaia di pagine. Quando i dossier passano a un nuovo procuratore ci mette giorni e giorni solo per leggere le carte. "Poi, lo scorso anno abbiamo dovuto rispondere a 295 rogatorie, quasi una al giorno. In media - spiega il procuratore generale - abbiamo calcolato che dal 2010 al 2016 ogni magistrato - senza far distinzione tra reati di polizia e finanziari - ha dovuto far fronte a 559 incarti. Per fare un esempio, a Zurigo, dove al Ministero pubblico sono 195, ognuno ne ha 159. La media di 13 cantoni è di 368".
Concetti, questi spiegati da Pagani, che compaiono appunto nella relazione della magistratura, quando si dice che l’attività già nel 2017 è "stata condizionata dagli avvicendamenti intervenuti". E si aggiunge che al Ministero pubblico esiste un "costante aumento degli incarti" e una preoccupante "situazione di sovraccarico" di lavoro. Insomma, l’attività si regge su un equilibrio precario. Basta un soffio, come nel caso (nel 2017) dell’assenza per maternità della procuratrice Francesca Lanz, per registrare scompensi. Figurarsi dunque quando va via un procuratore, soprattutto con una grande esperienza, come nel caso di Perugini (che chiudeva in media circa 3.000 procedimenti all’anno, compresi quelli legati a reati della circolazione) e - se avrà il via libera da Berna - di Bergomi. Anche per compensare in parte questi problemi Pagani ha da tempo chiesto un potenziamento del personale (segretari giudiziari, personale amministrativo, analisti finanziari).
"Ma non si cerchi chissà che cosa. Non c’è – spiega il procuratore generale - un malumore al ministero pubblico, ci sono difficoltà oggettive. E non da oggi. Però faccio un parallelo: perché nelle preture e nel Tribunale d’appello i giudici restano per tanto tempo? Evidentemente sono ruoli dove si è meno sotto i riflettori, è un lavoro che logora meno. Se chiedo rinforzi lo faccio perché vedo quanto lavoro devono svolgere i miei colleghi. Siamo 21, a Ginevra, città di confine sono 44, nel canton Vaud per fare un altro esempio 57, a Lucerna 33".
Anche se poi, dicono alcuni a microfono spento, tutti sono ancora in attesa della riorganizzazione annunciata da Pagani ("credo che punti di più su un lavoro di squadra", ha detto Gobbi). Una riorganizzazione che vada ad incidere sui ritmi e sulla ridistribuzione dei carichi di lavoro. Anche per questo, per capire come muoversi meglio, dove rinforzare la magistratura e con quali strumenti, Gobbi ha chiesto da tempo la statistica dei carichi di lavoro. Cioè "gli indicatori di prestazione" per i magistrati. "Un elemento che introdurremo - ha detto Gobbi al Caffè - discutendone con i magistrati e la Commissione giustizia del parlamento".

mspignesi@caffe.ch
10.03.2019


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur