Il sito per prenotare letti sprona gli alberghi a nuove idee
Immagini articolo
Il successo di Airbnb
infastidisce gli hotel
PATRIZIA GUENZI


Airbnb un concorrente? Macché! Il portale che mette in contatto persone in cerca di un alloggio per brevi periodi potrebbe rivelarsi un redditizio partner per gli albergatori. Ma anche costringerli a modificare strategia. Solo in Svizzera la piattaforma ha registrato oltre 900mila ospiti negli ultimi dodici mesi, per più di 3 milioni di pernottamenti. Una fetta che corrisponde al 10% del turismo elvetico. Un colosso con cui venire a patti. Diversi cantoni stanno infatti negoziando con la società americana per incassare una tassa di soggiorno. "Airbnb dà fastidio, sta godendo di un mercato senza pagare tasse - sottolinea Massimo Suter, presidente di GastroTicino -. Serve una soluzione politica". Più diplomatico Lorenzo Pianezzi, presidente Hotelleriesuisse Ticino, associazione che ha chiesto al governo una modifica di legge che regolamenti il settore: "È un interessante veicolo e non dobbiamo fargli la guerra".
Aldo Rampazzi, presidente di Ticino Turismo, non vuol certo mettersi a tu per tu col gigante Airbnb, non nega però una certa irritazione. "Sono preoccupato, sfuggono al pagamento delle tasse - dice -. Da un po’ stiamo lavorando per capire la reale portata del fenomeno, non per combatterlo, ma per trovare dei punti di incontro". In Svizzera, grazie alla piattaforma online attiva nel mercato degli alloggi privati, negli ultimi dodici mesi hanno dormito molti americani, francesi e tedeschi. Unterseen, Crans-Montana, Scuol tra le destinazioni invernali più popolari. "È evidente che questo gigante spaventi - osserva Pietro Beritelli, docente di economia del turismo all’università di San Gallo -. È entrato nel mercato con irruenza. È un cane sciolto. Ma solo apparentemente sembra non voler sottostare a regole. Nel giro di qualche anno la questione delle tasse verrà risolta. Airbnb è disposto ad adeguarsi alla legge dei singoli Stati. In America, ad esempio, s’è già accordato per incassare le tasse".
Airbnb non può non interessare le autorità. Infatti, già 400 città e regioni in tutto il mondo hanno firmato accordi con la piattaforma per riscuotere le tasse turistiche. Ma al di là di questo aspetto, agli albergatori preme soprattutto non perdere ulteriori pernottamenti. "Il cliente abituato a dormire da noi difficilmente si affiderà ad Airbnb - sottolinea Pianezzi -. Vero è che c’è tutta una fascia di clientela che sceglie le case private e che ci potrebbe interessare. Persone che hanno un budget calcolato. Ecco perché anche noi postiamo alcune camere, quelle più ‘basic’, sul portale".
"Basic" per ora, perché Airbnb non sta certo a guardare. Ha già creato dei filtri di ricerca per B&B e boutique hotel (piccoli hotel di lusso) e ora punta anche ad una clientela più facoltosa. "All’ultimo forum di Davos aveva messo a disposizione una suite per 30mila franchi a notte - ricorda Pianezzi -. Ecco perché dico che è un canale interessante. Ci apre al mondo. Puntare i piedi non ha senso. Tanto vale andarci d’accordo, diventerà sempre più forte". In futuro potrebbe trasformarsi in una sorta di provider che organizza l’intero viaggio, soggiorno compreso.  
Tra i cantoni che hanno regolamentato il settore degli Airbnb, esistono collaborazioni con Zugo, Basilea Campagna, Zurigo e Basilea Città. "Il nostro handicap è che abbiamo due tasse, di soggiorno e di promovimento turistico", precisa Pianezzi. Ma qualcosa si farà. "Una tassa ad hoc, più bassa - suggerisce Suter -, anche se poi si porrebbe il problema degli hotel che postano le loro offerte su Airbnb, pagando così, di fatto, meno tasse". Una soluzione andrà concretizzata. E in tempi rapidi, visto che oggi sulla piattaforma complessivamente si possono già trovare ben 35.800 alloggi distribuiti in tutto il Paese. Oltre il doppio rispetto a due anni fa.
Che il settore non sia molto regolamentato lo ammette anche Beritelli. "Tuttavia - spiega - è  inutile reagire con fastidio e cercare di combattere questo fenomeno come hanno fatto alcuni Paesi. In Svizzera, tutto sommato, si è reagito abbastanza bene. Lo dimostra il fatto che molti alberghi già utilizzano Airbnb per postare delle stanze. Il turismo è un fenomeno sociale, la domanda decide dove andare e l’offerta si deve adeguare. Airbnb fa incontrare esigenze e disponibilità. In questo modo si può andare ovunque, girare il mondo. In fondo il fenomeno è molto semplice. E negli anni ha suscitato l’interesse di molti. Infatti ad Airbnb ci sono già alternative interessanti. Se Airbnb non sta a guardare, non lo fanno neanche gli albergatori. Le grandi catene alberghiere, ad esempio, si sono già organizzate con propri portali di prenotazione, consapevoli della potenzialità del mercato della "condivisione della casa". Il gruppo alberghiero Marriott International, ha avviato un progetto pilota in cui offre appartamenti privati con il motto "i viaggiatori possono sperimentare la loro destinazione da una nuova prospettiva locale". Potrebbe essere uno slogan pubblicitario di Airbnb.

pguenzi@caffe.ch
25.11.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento