Fogli in libertà
I politici baby di oggi
con un incerto domani
RENATO MARTINONI


Vuole la tradizione che siano le persone esperte e preparate a occupare i posti chiave della politica. Sarebbe facile obiettare che non è sempre stato così. Caduto dal firmamento luminoso della giovinezza al fango dell’esilio, Napoleone Bonaparte è morto su un’isola a soli a cinquantadue anni. C’è poi chi, almeno nelle leggende, si è dato alla politica solo per fare il proprio dovere di cittadino. Chiamato a servire la patria, Cincinnato abbandona l’aratro per assumere il potere. Tornando poi all’orticello di casa, due settimane più tardi, dopo avere salvato Roma dai nemici. Lasciata dunque la politica, e l’Olimpo chiassoso della notorietà, negli anni di vita che restano i politici navigati si chiudono nel loro ben retiro, accettando di tornare a vivere fra i comuni mortali. C’è chi sparisce serenamente dalle luci della ribalta. C’è invece chi, per arrotondare la mesata, entra nei consigli di amministrazione o si mette a girare il mondo: assumendo cariche più o meno onorifiche, tenendo conferenze, presentando libri di memorie. In questo modo, fuori dai giri che contano, la vecchiaia e il declino vengono vissuti fin che regge la salute del corpo e soprattutto quella della mente.
Cosa succederà ai politici baby che, da qualche tempo in qua, calcano sempre più numerosi le scene? La vita partitica, si sa, non è eterna. Anzi, raramente dura a lungo. E allora cosa faranno da grandi i Salvini, i Di Maio, i Renzi, i Kurz? I queruli cinquestelle, parlano tutti come collegiali, le teste pelate delle destre radicali, i giovani leghisti d’assalto, le attiviste in pubertà? Il potere logora, si sa, e nessuno finora nella storia del mondo democratico è riuscito a sopravvivere a lungo ai tarli del tempo.
Cosa faranno allora questi eserciti di cinquantenni quando saranno stati messi da parte? Alcuni di loro non hanno mai studiato su un libro o lavorato in una fabbrica o in un ufficio: chi mai vorrà assumerli? Cosa penseranno quando nessuno, neanche per deriderli, ascolterà i loro discorsi? Disoccupati, sbandati, non più riconosciuti per strada, non più cercati dai fan per i selfies, andranno in giro a suonare i campanelli delle case. Tanto per sentir correre un po’ di sangue corsaro nelle vene. C’è tuttavia da presumere, ahimè, che la maggior parte di loro si metterà a scrivere poesie. Pagine e pagine di versi inutili e penosi che nessuno leggerà. Anche se qualche compagno di avventura dirà subito di ammirarli, grazie alla prefazione e alla pubblicità di altri morti in piedi: critici da strapazzo e influencer compiacenti. Aspettiamoci dunque presto, dopo l’inevitabile caduta degli dèi, un boom di ex babypolitici diventati, nel mezzo del cammin di loro vita, dei versaioli da strapazzo.
09.02.2020


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2020
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2020
05.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 17 febbraio 2020
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se il virus ci trascinerà
in una recessione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Si scenderà a patti
con il sistema-Terra
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi



IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Budget
europeo,
l’Europa
spaccata

Afghanistan,
forse
una tregua

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00