function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




Il diario
Dopo il virus... il buono,
il cattivo e anche l'incerto
GIUSEPPE ZOIS


Caro Diario,
nessuno può dire come usciremo da questo lungo tunnel che ci ha fatto ritrovare qualche spicchio di luce e libertà, costringendoci tuttavia in uno stato di sospensione permanente. Siamo sotto un fuoco di comunicazione ansiogena senza tregua, con notizie no-stop di nuovi contagiati anche sotto i nostri cieli e foschi bilanci che si danno la voce dagli Stati Uniti al Brasile, all’India. È una condizione che tiene in ostaggio anche la serenità. Come si può essere tranquilli ed ottimisti quando, oltre le decine di migliaia di artigliati ogni giorno dal virus, con centinaia di decessi su scala planetaria, siamo tormentati da messaggi che insinuano il dubbio e la paura?
D’ACCORDO, dopo i mesi che ci siamo lasciati alle spalle occorre essere prudenti. "Andrà tutto bene": abbiamo sentito e letto fino alla noia questa infelice frase e bene ha fatto lo scrittore Gianrico Carofiglio a stigmatizzarla in coda al Premio Strega. Una tragica e funesta icona di questa pandemia resterà la lugubre fila di camion militari che da Bergamo - la città con il più alto numero di vittime da covid-19 in Italia - si muovevano nella penombra mattutina, carichi di bare, verso l’ignoto. Andavano dove nessuno sapeva, nemmeno le famiglie che piangevano un congiunto. Agghiacciante metafora dell’ultimo viaggio.
PRIMA O POI usciremo da questo orribile labirinto: è sempre stato così in ogni catastrofe, nella storia dell’umanità. In molti rimarranno le nebbie di infiniti "però". Chi può dire se, dissolto l’incubo - che ora permane, agitato anche a sproposito da influencer cassandristi sul virus di ritorno in autunno - saremo più buoni o cattivi?
SONO STATO per un reportage in una comunità di donne eremite, a Campello sul Clitunno. La responsabile, Daniela Maria Piazzoni, è convinta che ora ci sia maggiore apertura verso gli altri: "Dopo un’esperienza come questa, ci si potrà ancora chiudere in se stessi? Un minimo desiderio di rapporti più stretti, da porta a porta, perdurerà. Chi veramente stava da solo e non aveva amici fidati si accorgerà della differenza tra ieri e oggi. E chi vorrà continuare alla vecchia maniera, lo farà nell’incoscienza, perché la realtà e la verità portano su altre strade".
HO SENTITO anche il controcanto del direttore di una società attiva in tutto il Ticino, che sta rilevando una montante rancorosità. Si può trovare un documentato riscontro storico nel libro "The black death" (La morte nera) di Philip Ziegler, 90 anni, in cui l’autore analizza la cattiveria del "dopo" nelle più gravi calamità abbattutesi sul pianeta. Al punto in cui siamo, forse l’area più affollata è la terra di mezzo, dove si accalca il popolo degli indecisi, degli scettici, quelli del "boh". Seduta sul trono sta Sua Maestà l’Incertezza.
11.07.2020


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
27.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2020
23.07.2020
Attivato il sito dell’Ufficio del controlling e degli studi universitari
13.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2020
06.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2019
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2020
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2020
12.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2020
10.06.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 22 giugno 2020
04.06.2020
Swiss Mobility: opportunità di stage professionale in Svizzera per neodiplomati 2020
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Fra Trump e Biden
sfida rivolta al passato
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I morti viventi dell'Isis
scompaiono e riappaiono
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Covid:
la Francia
nella black list
di Boris Johnson

Difesa:
accordo
Polonia-Usa

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00