Altri articoli
di 0
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Ritorna la grande crisi
delle case non affittate
L'INCHIESTA

Crolla drasticamente
il numero di migranti
L'IMMAGINE

Una settimana
un’immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Una passione comune
per il sovranismo Usa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Dietro le autonomie
solo forza economica
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I nuovi pirati del mare
sono gli scafisti armati
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'agonia del Califfato
non esclude attacchi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il colore "pervinca"
emblema di artificio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.10.2017
Pubblicati i dati del traffico sulla rete stradale in Ticino nel 2016 [www.ti.ch/conteggi]
19.10.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2017
18.10.2017
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 18 ottobre 2017 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
13.10.2017
Concorso letterario "Castelli di carta" – Cerimonia di premiazione, martedì 24 ottobre 2017, ore 18.30
13.10.2017
Aggiornata la pagina Protezione ABC con la pubblicazione dei dati statistici inerenti gli interventi del picchetto NOI nel 2016 [www.ti.ch/protezioneabc]
04.10.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 16 ottobre 2017.
28.09.2017
Pubblicati i dati statistici del passaggio di autobotti con merci pericolose sull'autostrada A2 presso Coldrerio nel 2016 [www.ti.ch/protezioneabc]
26.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2017
25.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2017
18.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio



NUMERI di Loretta Napoleoni
Immagini articolo
La Svizzera e Londra
trovino nuovi accordi
Loretta Napoleoni


Continuano le negoziazioni, o meglio le discussioni, per la Brexit e nessuno  ancora sa bene quale sarà il modello che il Regno Unito adotterà in futuro. Molti sono convinti che Londra cercherà di ottenere un accordo simile a quello stipulato dalla Svizzera.
La Svizzera ha con la Eu16 accordi bilaterali e un accordo di libero scambio che disciplina l’accesso al mercato unico e il rispetto della legislazione europea su base settoriale. Esistono poi ulteriori accordi tecnici che riguardano settori quali l’ambiente, il commercio, le abitudini e la ricerca.
Gli svantaggi sono che le imprese svizzere non hanno pieno accesso al mercato unico; ad esempio, le banche elvetiche non dispongono di diritti di passaporto. Un altro inconveniente è che Berna non ha piena partecipazione al processo decisionale dell’Ue, sebbene sia spesso soggetta ad esso. Naturalmente, l’accordo svizzero prevede anche la libertà di movimento, qualcosa di molto controverso nel Regno Unito e che Londra non ha intenzione di replicare. I cantoni però mantengono libertà di legiferare autonomamente su questioni come l’agricoltura, la tassazione e gli affari esteri ed anche la finanza. Infine sono liberi di gestire le proprie contrattazioni commerciali con terzi, ad esempio la Cina ed in futuro anche il Regno Unito
È quest’ultimo un punto importante. Sia Londra che Zurigo sono le piazze finanziarie più importanti d’Europa, Londra poi è la porta d’ingresso al continente scelta da Pechino. Gli accordi relativi alla futura convertibilità della moneta cinese hanno scelto per questo processo la Piazza di Londra. Una volta che Londra e Zurigo sono libere dai vincoli dell’Unione potrebbero stabilire nuovi accordi bilaterali e costruire un ponte tra le due Piazze, creare un polo fuori dalla burocrazia e dai controlli di Bruxelles sfruttano la lunga tradizione finanziaria che hanno alle spalle e la maggiore libertà decisione rispetto a Parigi, Milano o Francoforte.
Naturalmente l’Unione europea non vede di buon occhio questa cooperazione. L’uscita del Regno Unito dall’Unione può produrre un terremoto finanziario nel bilancio dell’Ue. Il peso della finanza, la cui Piazza principale è Londra, è notevole. E questo spiega gli sforzi del governo francese e tedesco, ed in parte anche di quello italiano, per attrarre la finanza europea ed internazionale nelle loro Piazze affari. Ma non sarà facile traslocare a Parigi o a Francoforte. Gran parte dei contratti internazionali sono stipulati secondo la legislazione inglese, è questo un aspetto molto importante. La legge e la lingua della finanza è l’inglese, cambiarla costerebbe molto di più di un trasloco da una capitale all’altra.
22-10-2017 01:00

I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Convocato
il parlamento
catalano
in settimana

Trump:
Apertura
dei files relativi
al caso Kennedy