Altri articoli
di 0
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE PAROLE di Franco Zantonelli
Immagini articolo
I talenti non hanno
orientamenti sessuali
Franco Zantonelli


A Swiss Re si cammina sulle uova  nei rapporti tra colleghi. Il colosso assicurativo ha infatti introdotto un codice di comportamento assolutamente à la page con il più rigido politicamente corretto. Onde evitare di creare imbarazzi all’interlocutore o all’interlocutrice, si viene dissuasi dall’usare termini quali uomo, donna, marito, moglie, come pure di evocare la parola matrimonio di fronte a chi vive con un partner del medesimo sesso, in un’unione domestica registrata. Pure sconsigliati i pronomi lui e lei ma anche gli appellativi mamma e papà.
Vietato mortificare la diversità il leit motiv delle regole comportamentali in casa Swiss Re. "A noi interessano i talenti, non i loro orientamenti sessuali", fanno sapere i vertici del gruppo. L’esatto opposto di quanto è capitato nel pastificio Giovanni Rana, leader del mercato della pasta fresca, in Italia. Per anni il figlio del fondatore ha insultato in pubblico in modo volgare un proprio manager solo perché gay.

Manca meno di un mese alle elezioni cantonali ticinesi e venendo confrontati quotidianamente con la cartellonistica dei vari candidati, non ci pare risalti per particolare originalità. A parte due eccezioni: Manuele Bertoli, che sembra uscito pari pari dal Quarto Stato di Pellizza da Volpedo, ma soprattutto Franco Denti. Il quale, con lo stetoscopio, il camice bianco e il sorriso alla dottor Kildare, si presenta come il medico che intende curare il Ticino. Impresa che non gli è riuscita nelle fila del Ppd e neppure in quelle dei Verdi. Gli auguriamo maggior successo con l’Udc.

"La prima classe costa mille lire la seconda cento, la terza dolore e spavento", canta Francesco de Gregori nel suo celebre Titanic. In Svizzera abbiamo avuto la terza classe sui treni fino al ’56. Panche in legno decisamente poco confortevoli per chi se le ricorda. Ecco che, per contrastare la concorrenza dei bus low cost, la terza classe rifà capolino per il momento solo come proposta dell’Ufficio federale dei trasporti. Con le Ffs che sembrerebbero poco interessate alla novità.
Comunque sia, i biglietti costerebbero decisamente meno di quelli di prima e seconda mentre i passeggeri viaggerebbero un po’ più stretti, senza però finire anchilosati come sulle panche di legno d’antan. A lume di naso, tuttavia, l’ampliamento delle classi non risolverebbe il vero problema delle nostre ferrovie, che è quello dell’affollamento negli orari di punta. A meno di non pensare di stipare i tapini della terza classe come avviene su certi treni indiani, ovvero mezzo dentro e mezzo fuori i vagoni.
17-03-2019 01:00
La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento