Altri articoli
di 0
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, luglio 2019
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, luglio 2019
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio 2019
20.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, luglio 2019
05.08.2019
Comunicazione Ustat: Pericoli naturali Ticino
30.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2019
29.07.2019
Avviso di prudenza del 29.07.2019 nell'accensione di fuochi commemorativi e d'artificio per i festeggiamenti del 1° agosto 2019 [www.ti.ch/incendi-boschivi]
15.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2019
14.07.2019
Traversa di Cavanna/Bedretto - coordinate 682/152 - Predazione 3 pecore
12.07.2019
Consultabili online le temperature dei fiumi misurate in continuo presso le stazioni idrologiche cantonali e federali [www.ti.ch/oasi]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Gli affari con la Cina
garanzia per l'Australia
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La fuga dei miliardari
imbarazza gli Emirati
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"

LE PAROLE di Franco Zantonelli
Immagini articolo
Golosità e baby sitter
ravvivano le assemblee
Franco Zantonelli


A quanto pare la politica di milizia arruola sempre meno militi. Il caso delle 4.000 assemblee comunali svizzere, frequentate mediamente da non più del 10% degli aventi diritto. Tanto che i Comuni sono costretti ad inventarsi offerte allettanti per convincerli a non disertarle. A Grandval, nel Giura Bernese, i genitori con figli piccoli che partecipano alle assemblee comunali hanno diritto a una baby sitter gratuita. Un’iniziativa sperimentata a Rorschacherberg, nel canton San Gallo, senza suscitare particolari entusiasmi.
Più successo sembrano avere, invece, iniziative che mirano a stuzzicare la gola dei cittadini. Il caso di Wimmis, dove una tavolata di prelibatezze culinarie, al termine delle assemblee, ha contribuito a raddoppiarne i partecipanti. "Molti trovano il coraggio di fare domande solo durante lo spuntino, coraggio che mancava loro durante l’assemblea", ha spiegato il sindaco del Comune bernese. Con buona pace dei cultori del galateo. Per i quali non si deve parlare di politica a tavola.

Dopo i frontalieri-topi nel formaggio ecco gli avversari politici dell’Udc e l’Ue, dipinti come vermi che si intrufolano in una mela. Che rappresenta la Svizzera, nuovamente attaccata da nemici dall’aspetto rivoltante. Appena messa in circolazione già fa discutere e arricciare non pochi nasi l’immagine scelta dai democentristi per mobilitare il proprio elettorato in vista delle federali.
Un’immagine efficace e alla portata di tutti. Se vogliamo il messaggio trash del perfetto sovranista. Tipo il "Governo Frankenstein" evocato, in questi giorni, da Matteo Salvini. E, a proposito di trash in politica, Luca Ricolfi, sociologo dell’università di Torino, ha scritto di recente che "non sta scritto da nessuna parte che per essere amati dal popolo si debbano assumere atteggiamenti trash". Per Ricolfi, inoltre, i partiti populisti rimangono comunque delle elites, anche quando tentano di trasformarsi in popolo per farsi acclamare.

Tutte le volte che un escursionista perde la vita su un percorso insidioso ci si chiede se la tragedia non poteva essere evitata. Ueli Steck, uno dei più grandi alpinisti svizzeri, morto due anni fa sull’Everest, affermava che "è difficile far capire a chi non frequenta la montagna il senso di ciò che faccio".
Sarà stato il medesimo sentimento a spingere il francese Simon Gautier, deceduto drammaticamente sulle pendici di una zona sperduta della Campania. Oggi è polemica sui ritardi nei soccorsi. Eppure decine di pompieri, rocciatori e volontari del soccorso alpino l’hanno cercato per giorni. Chi l’ha trovato l’ha poi vegliato all’adiaccio per tutta la notte.
25-08-2019 01:00

La copertina
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Le pubblicazioni
di Rezzonico
Editore

Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Bandiere
dell’India
in fiamme
nel Kashmir

Il fuoco
dell’Amazzonia
incendia
le piazze

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00