Altri articoli
di 0
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Se la tredicesima
da sola non basta più
L'INCHIESTA

Case anziani nel caos,
il personale è in rivolta
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Ma Padre Cristoforo
era un assassino!
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, terzo trimestre 2017
14.12.2017
L’Ufficio dell’ispettorato del lavoro ha pubblicato le date dei corsi di formazione inerenti la Legge federale sul lavoro e relative Ordinanze, previsti durante l’anno 2018
14.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
13.12.2017
Aggiornati i dati su consumo e produzione di energia in Ticino consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
13.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
12.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2017
11.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
07.12.2017
Pubblicati orari e tariffe dei trasporti pubblici, validi dal 10 dicembre 2017 [www.ti.ch/trasporti]
04.12.2017
Militare: Visite di reclutamento 2018
04.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 04.12.2017 [www.ti.ch/caccia]

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio



FUORI DAL CORO di Giò Rezzonico
Immagini articolo
Non mettiamo in crisi
anche le radio e la tv
Giò Rezzonico


Dopo i sondaggi delle ultime settimane il timore che l’iniziativa "NoBillag passi è reale. Comporterebbe la chiusura della Rsi, della Ssr e molto probabilmente della maggior parte delle emittenti ticinesi, radio e tv private: TeleTicino, Radio3i e Radio Fiume Ticino. Quali sarebbero le conseguenze per il cantone? Nelle tre regioni della Svizzera verrebbe a mancare un’emittente nazionale, che ha come compito principale quello di salvaguardare la coesione culturale del nostro Paese. Sarebbe un duro colpo per la solidarietà tra le tre regioni linguistiche e di conseguenza per la democrazia. I favori dei telespettatori si rivolgerebbero ulteriormente verso le emittenti straniere. E questo avverrebbe in un momento in cui gli editori privati sono in grande difficoltà. Ognuno si renderà infatti conto ogni giorno, sfogliando i giornali, di quanto la pubblicità sia sempre più scarsa, mettendo a dura prova la sopravvivenza di molti di loro. D’altra parte l’informazione gratuita digitale è sempre più diffusa, con tutti i pericoli che comporta: notizie tendenziose, diffuse da chi ha interesse a sostenere determinate tesi, o addirittura false. Questa situazione fa sì che l’informazione indipendente garantita dagli editori privati sia in forte crisi, una situazione di cui non si conoscono gli sviluppi. Non potrebbe quindi esserci un momento più inopportuno per privarci anche delle emittenti nazionali finanziate dal canone radiotelevisivo.
Ciò che più sorprende è che a sostenere l’iniziativa "NoBillag" sia proprio la destra populista rappresentata in Ticino dalla Lega e da buona parte dell’Udc. Proprio coloro che vorrebbero una Svizzera chiusa oltre misura dentro i propri confini spalancano le porte alle emittenti estere private. Un’incongruenza che non finisce qui se si pensa che in Ticino la chiusura della Rsi comporterebbe la perdita di 1700 posti di lavoro, tra impieghi diretti e indotti. Sono proprio coloro che hanno lanciato un’altra iniziativa populista come "Prima i nostri" a mettere a repentaglio tanti impieghi qualificati occupati da ticinesi. E se ancora una volta fosse il resto della Svizzera a salvarci e a respingere la "NoBillag"? A fronte di circa 60 milioni di canone versati dai cittadini ticinesi, la Rsi ne riceve annualmente oltre 200 grazie alla solidarietà nazionale per poter garantire programmi equivalenti a quelli delle altre regioni elvetiche. Ebbene, se l’iniziativa venisse respinta nel resto della Svizzera ma passasse in Ticino, alcune centinaia di posti di lavoro occupati dai "nostri" sarebbero in pericolo. Perché le altre regioni dovrebbero privarsi, a favore del Ticino, di parte dei soldi versati dai loro cittadini se i ticinesi desiderano sopprimere la Rsi?
17-12-2017 01:00

I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Al-Abadi
dichiara la fine
della guerra
all'Isis in Iraq

I 300 giorni
di carcere
del giornalista
Deniz Yucel