Dello stesso autore
di 0
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Il Cardio non paga
e il Mizar si arena
L'INCHIESTA

La scuola volta pagina
con lezioni di sesso
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Kerouac e i bus
direzione a Malpensa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Luigi Bonanate
Chi è
Luigi Bonanate è saggista, docente di scienze politiche all'università di Torino, esperto in relazioni internazionali.
Sembra che il respiro del mondo stia cambiando ritmo: riappare la lotta politica. Tanto all’interno degli stati quanto tra di loro, le richieste di mutamento si fanno sempre più intense e vedono affacciarsi progetti che contestano o addirittura respingono i livelli di vita in tutte le parti del pianeta. Quel che avevamo creduto era proprio che cosmopolitismo e democrazia si sarebbero un po’ per volta diffusi... Ma ora sta avvenendo una cosa completamente nuova e, più che altro, di portata opposta. Da una almeno apparente e tendenziale apertura reciproca tra le società, che faceva immaginare un futuro condivisibile e progressivamente più ricco, guidato da governi bipartisan propensi piuttosto al compromesso che allo scontro, siamo passati a un ribaltamento totale e alla perentoria richiesta di ripensare i principi della convivenza. È come se la storia stesse cercando di svoltare. Volevamo far progredire il mondo, ma a quanto pare abbiamo avuto paralisi e stagnazione; credevamo in un internazionalismo che doveva renderci tutti un po’ più uguali, e ci scontriamo oggi con un sovranismo (che brutta parola, tra l’altro) che stravolge un concetto fondamentale del diritto internazionale: ciascuno stato è sovrano non per proclama ma solo se la sua azione è efficace, cioè responsabile e capace di affermarsi. Il diritto excludendi alios è una norma garantista di riconoscimento reciproco, non la clava con cui escludere chi e quel che non ci piace.
Si va diffondendo nel mondo l’estremismo di chi rifiuta gli sconosciuti, tanto più se di un altro colore, e vuol tenere in cascina i propri beni per paura di doverli condividere, ribadendo confini e innalzando muri che impediscano brutti incontri e pericoli di strada. Il populismo del ventunesimo secolo non si aggrappa più soltanto alla fiducia cieca nel capo, ma all’esaltazione della propria superiorità e della singolarità. Per Trump il motto è: "America first", declinato poi da diversi paesi. Ma chi stabilirà le graduatorie e come? In base alla forza dei propri muscoli o alla bontà delle politiche svolte? Inevitabilmente i movimenti identitari sognano comunità raccolte intorno a pochi e semplici valori, facilmente condivisibili, ma rifiutabili agli estranei; immaginano società omogenee e pure fondate su una (indimostrabile) supremazia. Razzismo, territorialità e sangue ritornano a galla, dopo che la storia li aveva condannati - non senza ragione. Preferiscono stare tra loro piuttosto che aprirsi al mondo. In ogni caso, ogni separazione fa premio su qualsiasi accoglienza, umanitaria o politica che sia.
Alcuni suoi membri (una minoranza, non insignificante, ma piuttosto rumorosa) attaccano oggi l’Unione europea ricorrendo non ad approfondite discussioni ma a progetti di smantellamento che irridono i principi dai quali l’europeismo prese le mosse, e negano ogni valore alla libera circolazione non soltanto delle merci ma anche degli esseri umani. Questi "nuovi barbari", che sono felici di esser tali, non dimentichino che il sovranismo non è garanzia di pace e di sviluppo e annuncia odio e guerre.
16-09-2018 01:00


La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Attacco
alla parata,
Iran:
risponderemo

Russia:
manifestanti
chiedono dimissioni
di Putin