Dello stesso autore
di 0
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Ecco come sarà
il Cardiocentro 1.0
L'INCHIESTA

Sembrano giocattoli
... eppure uccidono
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il formidabile esercito
...che ora si rinnova
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Quel Modi indiano
piace a Usa e Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dall'Iran sino a Kim
donald alza il tiro
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
26.06.2019
L'ufficio dei beni culturali segnala la pubblicazione di un nuovo sito tematico dedicato al Monetario cantonale [www.ti.ch/monetario]
25.06.2019
Aggiornato il catasto del potenziale solare degli edifici con i dati di tettosolare.ch consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
19.06.2019
Nuova veste grafica, contenuti e funzionalità per il sito della Divisione della formazione professionale
17.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2019
13.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, giugno 2019
12.06.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 24 giugno 2019.
12.06.2019
Pubblicato il rapporto annuale 2018 sul programma di monitoraggio ICP-Waters [www.ti.ch/aria]
11.06.2019
Qualità dell'aria in Ticino: rapporto 2018 [www.ti.ch/aria]
07.06.2019
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha rinnovato il suo portale tematico, modificando e aggiornando parte della documentazione [www.ti.ch/commesse]
05.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

Guido Olimpio
Dall'Iran sino a Kim
donald alza il tiro
Guido Olimpio
Chi è
Si occupa di terrorismo internazionale e Medio Oriente, lavora al "Corriere della Sera" come inviato negli Stati Uniti
L’arrivo di Donald Trump ha reso i toni ancora più duri, visto che il nuovo presidente ha rinnegato la politica di apertura (o fiducia) nei confronti degli ayatollah.
I sabotaggi – misteriosi – delle petroliere del Golfo rappresentano il lampo del momento. Washington accusa l’Iran di un atto grave, Teheran nega. Balletto che ha alla base la consueta strategia di The Donald. La Casa Bianca vuole continuare a mantenere una pressione sull’avversario, per questo usa le sanzioni e ogni tanto brandeggia la minaccia dell’opzione militare. Doppia arma legata ad una scelta tattica, ma anche alle differenti visioni all’interno dell’amministrazione.
Trump spera di mettere al passo l’Iran, costringendolo a rinunciare per sempre e totalmente al suo programma nucleare. Solo che il presidente è restio, per vocazione, a lanciarsi in avventure belliche. Diversa la posizione di alcuni consiglieri, a partire dall’interventista John Bolton, che non ha mai nascosto di essere in favore di un’azione dura ed estesa. Posizione condivisa da alleati fedeli, come i monarchi sunniti del Golfo Persico e gli israeliani. Loro non hanno dubbi su cosa fare e vorrebbero che gli Usa agissero di conseguenza. Con i muscoli.
Dunque il presidente non esclude punizioni, però al tempo stesso dice di essere pronto a trattare. Un gioco già visto con un altro cliente difficile, il leader nord coreano Kim Jong un. Trump applica le regole del mondo degli affari: alza la posta, negozia, si ritira, rilancia, manovra per ottenere il massimo dalla controparte. A volte funziona, altre meno. Specie quando davanti hai gli iraniani, pazienti e tenaci ma anche divisi da faide politiche interne. Con la linea ufficiale del governo khomeinista piuttosto cauta e quella dell’ala estrema radicale incline alle provocazioni, magari lungo le delicate rotte del petrolio. L’America resta il Grande Satana.
Dopo le esplosioni a metà maggio a bordo delle petroliere al largo di Fujairah, negli Emirati, ecco il secondo episodio a est di Hormuz. Ognuno ha provato a gestire gli incidenti, convinto di poter controllare il "fuoco" e, nel contempo, deciso a mettere alla prova il nemico. Ma il rischio è che tutto sfugga di mano.
16-06-2019 01:00


La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Incendio
nel centro
di Parigi,
almeno 3 morti

Italia: così
gli scafisti
scaricano i migranti
a Lampedusa